.
Corporate Social Responsability
World of Hairfashion and Beauty Business

PRODUCTS FOR HAIRDRESSERS AND SHOW - ENCYCLOPEDIC HAIR WEBSITE

news n°
159825
From beautynews
10 May 2021
Il 6 maggio il piccolo Archie, primogenito di Meghan Markle e harry, ha compiuto due anni. Con l'occasione, i Sussex hanno invitato attraverso la loro fondazione benefica a fare una donazione volontaria, così da garantire la copertura vaccinale nei Paesi più poveri del mondo, ancora in profonda difficoltà a causa della pandemia.
news n°
100439
From gossip
07 May 2021

Welcome to a world where Beauty is Queen.
Summer 2020 short will reign with the long.
Structured hairstyles, fleetingly cropped, will be light and voluminous at the same time.
Natural long hair with a sophisticated touch, 3D ponytails, suspended, aerial.
Hair stylists gently kissed by luminous colors, where warm and cold exist together, transparent, in harmony…
Dare to play with extremes, keeping the perfect style.
Make it evolve, make it move, in light, show the details, even the imperfections.
For a moment in life. Different, every time.

Hair: Laetitia Guenaou
Ambiance Photo: Alex Czyba
Studio Photo: Przemysław Choła
Backstage Photo: Alex Czyba
Assistants: Agata Kociołek
Make-up: Karolina Supernak
Stylist: Patrycja Dziewit
Models: Karolina Figarska, Marcelina Mączewska, Aleksandra Woźniczka
Press Kit: Katarzyna Wojdyła
Executive Production: Ola Dyras
Production: Showblock – Joël Guillermain

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
100745
From gossip
10 May 2021

Work 1: Twine Interlocking Combo

  • Image 1: We prepare the hair with the “Medialdea Method” texturing techniques and proceed to the marking with a 32 mm diameter tweezers. We brush the hair, apply a little shine spray and we are ready to start working.
  • Image 2: We separate the front and the sides, collect a section of the crown in a ponytail and we deconstruct it a little.
  • Image 3: We take a section of the side of about 3 cm thick, we create a soft cord and we join it to the rubber band of our central section.
  • Image 4: We carry out the same previous step on the other side.
  • Image 5: With the central section we begin to make a caterpillar braid with our twine, releasing a small lock from each crossing.
  • Image 6: We close the section at about 8cm with a rubber band, creating a bubble and leaving the interlacing of the string in its center, with the same string we circle the rubber band several times to leave it covered.
  • Image 7: We repeat the previous step in the next area (8cm) of the same section, we can help ourselves with tweezers, if necessary.
  • Image 8: We continue to carry out steps 6 and 7 until we finish with the length of the entire section.
  • Image 9: We take a 3 cm section from the side, we make a caterpillar braid in it, weaving the string along the entire length of the section.
  • Image 10: We carry out the same previous step on the opposite side.
  • Image 11: We again take a 3cm section from each side. In these sections I have been fusing caterpillar braid with more bubble and twine and so on until I finish with the length of the section. But we leave this part to your creativity, we can mix with French braids, twine, bubbles, etc. (You have to have fun and unleash your imagination and creativity).
  • Image 12: We finish our work by adding some feathers, wooden balls or some twine at the ends of our braiding, to still give a more boho, Viking and warrior touch.
  • Image 13: Perspective of the finished side.
  • Image 14: Final image of our first bridal proposal: "Boho Viking"

Work 2: Pointed braid crowned with a French braid

  • Image 1: We prepare the hair with the “Medialdea Method” texturing techniques and we proceed to the marking with a 38 mm diameter tweezers. We brush the hair, apply a little shine spray and we are ready to start working.
  • Image 2: We separate the front and sides, we collect a section of the crown in a ponytail, we introduce it inside and we deconstruct it a little.
  • Image 3: We make a French braid on the right side and hold in the center with a hairpin.
  • Image 4: We eliminate the fluffiness by destructuring the previously created braid.
  • Image 5: We carry out the last two steps on the other side.
  • Image 6: We take a central section of about 6 cm and make a ponytail.
  • Image 7: We take a central section below the previous one of another 6 cm, divide it in the center and go over the previous section, holding it with a rubber band.
  • Image 8: We repeat the previous step.
  • Image 9: In the two side sections, we create a soft twist and join in the center with a rubber band, under the central section.
  • Image 10: From this section we open in two, and superimpose the central section joining with a rubber band.
  • Image 11: With the remaining hair in the lower area, we do the same as in step (B09), leaving all the hair gathered in two ponytails.
  • Image 12: We take the lower ponytail, divide it in two and superimpose it on the upper one, passing this through the center. We hold it with a rubber band. We go through this step until we finish with the entire length of the hair.
  • Image 13: Finished work (side).
  • Image 14: Finished work (we can garnish it, depending on the type of bride, with various decorative elements, preserved flowers, natural flowers, jewels, porcelain, etc. On this occasion and to achieve this total look, we have opted for some jewel needles, with stones and butterfly motifs. It’s very trendy.)

Work 3: Heart braid on textured hair

  • Image 1: We prepare the hair with the “Medialdea Method” texturing techniques and proceed to the marking with a 32 mm diameter tweezers. We brush the hair, apply a little shine spray and we are ready to start working.
  • Image 2: We separate the front and sides, collect a section of the crown in a ponytail, and deconstruct a little.
  • Image 3: We take a section of the side of about 4 cm thick, we create a soft twist, we open it to get fluffiness and we define some lines, helping us with some needles. We fix in the center with a pressure hairpin.
  • Image 4: We carry out the same previous step on the other side.
  • Image 5: We take two central sections of about 5/6 cm, one on top of the other and create a ponytail with each section.
  • Image 6: We open the upper ponytail in two sections and we pass the lower one through the center. A clip will facilitate our work.
  • Image 7: We collect the previous section, we divide it in two and join it with a rubber band creating a single ponytail.
  • Image 8: We continue to carry out steps 6 and 7 with these two ponytails.
  • Image 9: We remove the needles and continue with the previous steps, until we finish with the entire length of the hair.
  • Image 10: We finish our braiding, destructuring a little to create more thickness and fluffiness in our braid. We join the two ends of the sections into one and cover the rubber band.
  • Image 11: Finished job (side)
  • Image 12: Work completed (other side)
  • Image 13: We can garnish the finished updo with multiple decorative elements. This time we have opted for these handcrafted pieces in jewel headdresses, in aged gold and crystal. A total look that takes us back in time.
  • Image 14: Frontals, loose effect, ideal for girls who identify and feel more secure with her hair in front.

Hair: Juanmy Medialdea
Hair Instagram: @juanmy_medialdea
Photography: Jose Santo Palomo @santopalomo
MUA: Sergio Castillo @sergiocastillo_makeup
Headpieces: Silvia Peinado
Models agency: Raquel Nofuentes

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
159822
From beautynews
10 May 2021
Sabato 8 maggio va in onda la semifinale di Amici, il talent di show di Canale 5 condotto da Maria De Filippi. La presentatrice nel corso delle puntate ha sempre prediletto il total black e non si è smentita: per questa puntata ha scelto uno stile bon ton e sofisticato ma con l'aggiunta di un tocco rock'n'roll.
news n°
159818
From beautynews
10 May 2021
L'abito in purezza
L'arrivo all'abbazia di Westminster
Colobium sindonis
Regina e capo della chiesa d'Inghilterra
Il mantello viola
Le damigelle d'onore
Foto di gruppo
Ritratto di famiglia
All'apertura del parlamento in Nuova Zelanda
All'apertura del parlamento in Australia
All'apertura del parlamento a Ceylon (oggi Sri Lanka)
All'apertura del parlamento in Canada
Norman Hartnell con il suo schizzo
I simboli della Gran Bretagna e del Commonwealth
La manutenzione dell'abito
L'abito in mostra

«Pensi che Elisabetta sarà l’ultima regina d’Inghilterra?». Era questa la domanda che il 2 giugno 1953 una reporter americana rivolgeva alle persone accalcate davanti a Buckingham Palace per partecipare all’incoronazione della loro sovrana. L’inviata, una dei duemila giornalisti arrivati a Londra da tutto il mondo, aveva una rubrica tutta sua sul quotidiano Washington Times-Herald  dal titolo Inquiring Camera Girl che consisteva in una domanda su un tema di attualità, la risposta e lo scatto della persona intervistata. Quella donna con il taccuino e la macchina fotografica, che si chiamava Jacqueline Bouvier, sarebbe diventata la First Lady americana sposando John Fitzgerald Kennedy tre mesi e qualche giorno dopo. In quella domanda all’apparenza semplice c’è tutta la forza di un destino che ha voluto che Elisabetta salisse al trono a tutti i costi.

I piani per la figlia maggiore dell’allora duca di York, quel Bertie che abbiamo imparato a conoscere con film e serie tv, e di Elizabeth Bowes-Lyon, era quello di fare la principessa di campagna circondata da corgi e cavalli finché lo zio, re Edoardo VIII, nel dicembre del 1936 non decise che la corona non faceva per lui, rispendendola al mittente in nome dell’amore per l’americana Wallis Simpson. Con il passaggio dello scettro al fratello che diventò, suo malgrado, Giorgio VI, la storia deragliava e investiva di infinite responsabilità la sua primogenita.

Responsabilità che non tardarono molto ad arrivare. Quando Elisabetta fu incoronata regina aveva 27 anni. Il padre era morto nel febbraio del 1952 ma per organizzare la cerimonia ci volle il tempo necessario per superare il lutto, almeno nella forma, e i tempi tecnici per pianificare ogni dettaglio di un evento che sarebbe stato trasmesso in mondovisione: mai, prima di quel momento, un’incoronazione era passata dal piccolo schermo. Nella leggenda però ci si può entrare solo avvolti in un capolavoro e nella rubrica di Buckingham Palace c’era solo un nome all’altezza del compito: Norman Hartnell.

Quando la chiamata arrivò all’atelier di Bruton Street, era un pomeriggio dell’ottobre del 1952. Elisabetta sapeva di andare a colpo sicuro. Non furono molte le indicazioni date a colui che cinque anni prima le aveva confezionato l’abito da sposa: quella doveva essere la base da cui partire per questa intrepida avventura sartoriale.

L’abito nuziale della regina Elisabetta disegnato da Norman Hartnell. Foto Getty

Lo stilista vestiva le donne della famiglia reale dagli anni 30. Hartnell deve parte della sua fortuna a Giorgio VI che per sua moglie desiderava un guardaroba lontano dalle lusinghe della moda del tempo. Edoardo VIII e Wallis Simpson erano troppo moderni anche nello stile. Il tentativo di superare lo shock dell’abdicazione passava anche da abiti eleganti che nell’estetica fossero più vicini alla regina Vittoria che a Elsa Schiaparelli o Christian Dior. Per indirizzare il suo estro verso qualcosa di più tradizionale, il re portava il couturier a spasso nelle collezioni reali confidando che i ritratti delle regine precedenti lo conducessero a disegnare mise dalle sottane lunghe e vaporose, a costo di essere giudicato un po’ démodé.

Hartnell per la commissione della vita si tuffò in uno studio matto e disperatissimo e, memore delle giornate in compagnia del padre della regina, visitò il London Museum e la London Library in cerca di ispirazione. Con la testa piena di idee, lo stilista lasciò l’affollata capitale per le foreste di Windsor dove cominciò a disegnare proprio come fanno gli artisti. Hartnell in tutto preparò otto schizzi più uno: dal primo filologicamente somigliante a quello della regina Vittoria in raso bianco brillante e pochi fronzoli si passò per gradi a modelli più elaborati dove fece la sua comparsa anche il colore oltre all’oro e all’argento insieme a motivi naturali e simbolici. L’ultimo disegno, quello che rispondeva a tutti i desideri della regina, fu frutto di un confronto che consegnò l’abito alla storia così come lo conosciamo.

Sul raso bianco sarebbero stati ricamati oltre agli emblemi del Regno Unito anche quelli dei paesi del Commonwealth come suggerito dal marito di Elisabetta, Filippo. Ora si trattava di mettere tutto insieme con misura e non fu semplice trovare l’armonia perfetta tra tutti le icone che dovevano trovare la loro giusta collocazione sul vestito. La rosa Tudor rappresentava l’Inghilterra, il cardo la Scozia, il trifoglio per l’Irlanda del Nord e per il Galles il narciso. Quando Hartnell sottopose il ricamo al re d’armi della Giarrettiera, il responsabile per l’araldica trasecolò alla vista del fiore primaverile. «Non ti darò mai un narciso! L’emblema corretto del Galles è il porro!» esclamò sconvolto l’ufficiale gettando nello sconforto lo stilista.

«Ho convenuto che il porro fosse un ortaggio ammirevole, pieno di significato storico e senza dubbio di proprietà salutari ma non proprio noto per la sua bellezza» raccontò Hartnell nella sua autobiografia Silver and Gold «non poteva permettermi di usare invece il più grazioso narciso?». «No, Hartnell. Devi usare il porro» gli rispose l’inflessibile ufficiale. Come lo metto un porro in un vestito per una regina? Si deve essere chiesto con la coda tra le gambe il raffinato designer. Una volta tornato nel suo ritiro di Windsor, fu colto da illuminazione nell’orto in cui si era rifugiato per capire come rendere regale quella verdura buona per una zuppa più che un evento di quella portata nell’abbazia di Westminster: e fu così che si ricordò del distintivo del berretto delle guardie gallesi. «Alla fine, utilizzando sete adorabili e cospargendola con la rugiada dei diamanti, siamo stati in grado di trasformare il porro terroso nella visione del fascino di Cenerentola, degno di mescolarsi con le sue sorelle rose e mimose in una brillante assemblea reale, abbellendo l’abito di una regina» scrisse nelle sue memorie.

Il resto dei motivi naturali erano decisamente più semplici: la foglia d’acero per il Canada, la mimosa per l’Australia, la felce per la Nuova Zelanda, la protea per il Sudafrica, il fiore di loto per l’India e per Ceylon, il grano, il cotone e la iuta per il Pakistan. I vari emblemi in questo modo, come da richiesta della committente, portarono quel colore che avrebbe distinto questo vestito da quello del matrimonio in cui il bianco e l’argento erano prevalenti. Ottenuta l’approvazione reale, Hartnell si mise subito al lavoro. La seta, arrivata dalla fattoria di Lady Hart Dyke del Castello di Lullington nel Kent, tessuta successivamente dalla Warner&Sons nell’Essex, è stata usata per foderare anche il mantello bordato di ermellino di velluto color cremisi con cui Elisabetta ha fatto il suo ingresso a Westminster, realizzato dai più vecchi sarti di Londra, la ditta Ede&Ravenscroft. Per l’abito furono usati, oltre a fili d’oro, d’argento e di sete di tinte varie, diamanti, perle e pietre preziose, cristalli e paillettes e tremila ore di lavoro di sei ricamatrici esperte che si occuparono in quei mesi del delicato reticolo di simboli.

Lo schizzo di Norman Hartnell. Royal Collection Trust

Le prove cominciate nel Natale del 1952 servirono per mettere a punto il modello. Furono aggiunti rinforzi di taffetà e crinoline per dare stabilità alla gonna che così ampia si contrapponeva al corpetto aderente con le maniche corte e il taglio quadrato sulle spalle e la scollatura a cuore. A tre giorni dall’incoronazione, non senza patema, Norman Hartnell finalmente consegnò l’abito finito. Elisabetta infilò il suo corpo in quella creazione preziosa come un gioiello e, davanti allo specchio, tirata su la cerniera lampo sulla schiena e chiusi tutti i gancetti di sicurezza, si lasciò scappare un «Glorious!». Il sarto, forse per la prima volta da mesi, poté tirare un sospiro di sollievo. Alla fine quel quadrifoglio che aveva aggiunto in gran segreto sul lato sinistro dell’abito alla fine aveva portato fortuna più a lui che alla sua regina.

A Westminster Elisabetta si presentò con il mantello cremisi e il diadema di stato di Giorgio IV realizzato nel 1820 in cui sono presenti rose, trifogli e cardi realizzato con 1333 diamanti (oltre a uno giallo incastonato in una croce) appoggiati su 169 perle montati su argento rivestito in oro: quella testa coronata ci è familiare perché è quella che vediamo sui francobolli e nelle raffigurazioni più diffuse della monarca. Le scarpe invece furono realizzate a Parigi da Roger Vivier: si trattava di un paio di sandali in pelle dorata con motivo fleur-de-lys con un tacco, non troppo scomodo, tempestato di rubini. La lunghezza dell’abito non ha lasciato loro tanto spazio ma per non esercitare troppo la fantasia ci arriva in soccorso la maison che, sotto la direzione artistica di Gherardo Felloni, ha riproposto le calzature nella collezione primavera-estate 2020.

La regina non era sola: con lei sei damigelle vestite in abiti coordinati di raso bianco ricamati con fiori di perle e piccole foglie d’oro, confezionati anche questi dall’atelier di Norman Hartnell così come quelli indossati dalle altre donne della famiglia reale, tra cui la regina madre e la principessa Margaret. La collana e gli orecchini di diamanti facevano parte della collezione della regina Vittoria, gioielli che avevano adornato il collo e i lobi di altre regine all’incoronazione dei mariti: Alexandra nel 1902 (senza gli orecchini), la regina Mary nel 1911 e la regina Elisabetta madre nel 1937.

La cerimonia, durata circa tre ore, era piuttosto complessa. Siccome a quel tempo controllare l’ora era considerata un’abitudine sconveniente per le donne, Elisabetta aveva al polso un minuscolo orologio di diamanti di Jaeger-LeCoultre, dono dell’allora presidente della Francia Vincent Auriol, alimentato dal più piccolo movimento meccanico del mondo che lo rendeva pressoché impercettibile quantomeno nella sua funzione principale. Chissà se buttò un occhio al quadrante quando arrivò il momento dell’unzione. A quel punto l’abito della regina veniva coperto con una veste spartana, anch’essa realizzata da Hartnell, che doveva andare a coprire interamente il capolavoro che lui stesso aveva creato. Il nome tecnico di questa sorta di scamiciato di lino plissettato e candido, chiuso sulla schiena con grandi bottoni per facili e rapide vestizioni, è colobium sindonis.

L’abito originale. Foto della Royal Collection Trust

Spogliata di tutto e interdetta agli sguardi del mondo, Elisabetta diventava regina a tutti gli effetti e capo della chiesa d’Inghilterra. Le telecamere della BBC tutto avevano inquadrato fuorché quel momento: la magia di quel processo non doveva perdere il suo mistero anche se diventava uno spettacolo mainstream che finiva nelle case della gente di mezzo mondo. Per il rito vero e proprio, venne usata la corona di Sant’Edoardo: un cimelio del 1661 di oro massiccio che pesava circa 2 chili e mezzo, così pensante che la regina temeva le si spezzasse il collo ma, alla fine della cerimonia, Elisabetta lasciò Westminster con la corona imperiale di stato che, oltre a contenere diamanti e pietre preziose di inestimabile valore, sono adornate con gli orecchini di perle di Elisabetta I. Diretta a Buckingham Palace, anche il mantello cambiò diventando viola: lungo più di sei metri, aveva richiesto in totale di 3500 ore di lavoro alle sarte della Royal School of Needlework per ricamare le iniziali di Elisabetta, spighe di grano e rami di ulivo come augurio di pace e prosperità.

Con la cerimonia dell’incoronazione, l’abito non fu messo in naftalina. Carico di significati e potente come un discorso pronunciato dalla giovane regina, era anche un capolavoro di diplomazia. Per questo accompagnò Elisabetta nel tour di sei mesi del Commonwealth. Con il vestito partecipò nel 1954 all’apertura del Parlamento in Nuova Zelanda, Australia e Ceylon (ora Sri Lanka). Sul Royal Yacht Britannia, il «monumento» aveva una cabina tutta sua. «La cabina del vestito era leggermente più grande della mia: ero piuttosto gelosa!» confessò l’allora dama di compagnia della regina Lady Pamela Hicks. In seguito, con quel vestito partecipò all’apertura del Parlamento in Canada nel 1957 e a un paio di ricevimenti, uno a Buckingham Palace e uno a Holyroodhouse Palace a Edimburgo.

Quel protagonista della storia ora è parte della Royal Collection. È stato messo in mostra insieme all’abito nuziale nel 2016 (e a tantissimi altri outfit regali) nel 2016 per la mostra Fashioning a Reign: 90 Years of Style from The Queen’s Wardrobe e potrebbe rispuntare per il Platinum Jubilee in programma il prossimo anno. Per il Giubileo di diamante del 2012 invece una replica esatta commissionata Swarovski fu esposta nelle vetrine di Harrod’s. Quella copia fece la fortuna della produzione di The Crown: se per la riproduzione fedele dell’abito nuziale non badarono a spese (si parla di 47mila sterline), qui per la scena cruciale interpretata da Clare Foy trovarono il costume già bello e fatto.

Per la sua devozione al guardaroba reale, Norman Hartnell fu il primo couturier a essere nominato cavaliere nel 1977, in occasione del Silver Jubilee. Invidiato anche da Christian Dior per la possibilità di vestire la casa reale britannica, il fashion knight era anche leale nei confronti della sua committenza. Pare che gli americani lo avessero corteggiato promettendo enormi fortune per avere i bozzetti dell’abito con lo scopo di metterlo in produzione non appena la regina fosse stata incoronata. Lui rifiutò entrando con eleganza nella storia del costume del XX secolo.

Tornando alla domanda della giornalista Bouvier, non sappiamo cosa risposero i suoi intervistati. L’erede al trono (il principe Carlo è il primo bambino che vide l’incoronazione della propria madre) è uomo ed è ancora lì che aspetta. Dopo di lui altri due uomini, William e George, sono i primi in linea di successione e chissà cosa sarà previsto dal cerimoniale per quel giorno e quali saranno i simboli da privilegiare. Una risposta sicura ancora non c’è e forse non ci sarà dato conoscerla nell’arco della nostra vita terrena. Certo è che, se pensiamo al meraviglioso racconto cucito letteralmente addosso alla regina andato in scena alla metà del secolo scorso con un rito fatto di ricchezza, opulenza e grandeur allora sì, se questo è il metro, Elisabetta sarà l’ultima regina d’Inghilterra.

LEGGI ANCHEI gioielli del cuore della regina Elisabetta

LEGGI ANCHETutte le volte che la regina Elisabetta ha indossato i pantaloni

LEGGI ANCHEElisabetta, la ragazza di campagna

news n°
100675
From gossip
06 May 2021

PARLUX, leader del mercato internazionale degli asciugacapelli professionali, presenta il phon Parlux ALYON® in una nuova lussuosa versione: Parlux ALYON® GOLD EDITION, impreziosita da un anello laminato oro 24 carati.

Parlux ALYON® è il punto di riferimento degli asciugacapelli professionali, progettato allo scopo di offrire al professionista il massimo a livello di prestazioni, leggerezza, durata e usabilità senza limitare in nessun modo la creatività del parrucchiere. Con una durata incrementata a ben 3.000 ore e una portata d’aria 84 metri cubi/ora, il nuovo motore professionale K-Advance Plus® è stato progettato per garantire prestazioni professionali superiori, fornendo una potenza ai massimi livelli, in grado di sostenere un utilizzo continuato in ambienti di lavoro stressanti senza avere cali di potenza.

GUARDA IL VIDEO

Parlux ALYON® è Antibacterial, grazie alla speciale verniciatura arricchita con polvere d'argento che crea una superficie sfavorevole alla proliferazione dei microorganismi e aiuta a mantenere l'igiene durante l'utilizzo. Il trattamento antimicrobico sfavorisce la proliferazione dei batteri ma non protegge dal virus della attuale emergenza sanitaria.

antibatterico

Il nuovo Parlux ALYON® GOLD EDITION è disponibile in due versioni:
standard con due bocchette, "Pack" Parlux ALYON® + MagicSense®
(incluso nella confezione il rivoluzionario diffusore
per le asciugature naturali dei capelli ricci).

parlux

PARLUX SpA
Via Carlo Goldoni, 10/12 - 20090 Trezzano sul Naviglio - Milano - ITALY
Tel. +39 02 48402600

news n°
159824
From beautynews
10 May 2021
Ilary Blasi ha compiuto 40 anni lo scorso 28 aprile e ha festeggiato la ricorrenza alcuni giorni dopo, assieme alle persone più care. Il marito, Francesco Totti, è stato uno dei primi a farle gli auguri sui social, dedicandole un dolce e romantico post. Ma non è mancato anche un regalo da scartare. Ecco cosa vi ha trovato all'interno la conduttrice.
news n°
100758
From gossip
10 May 2021

1941 is a review of our darkest past, the one in which humanity was exalted in violence. In this case, José Urrutia is inspired by the battle of Pearl Harbor, which on its 80th anniversary should make us reflect on the trauma that any war causes. Therefore, it is an anti-war chant that is reflected in disturbing looks, with clear references to the military world. Curls that fall in an open and clear cascade like the effect of a bomb; haircuts with shiny and impeccable fringes, typical of the discipline of the army; tousled finishes and unstructured haircuts that remind us of those who suffer the devastating effects of war; and raised toupees that take us back to the aesthetics of a painful time.

Hair: Jose Urrutia @Peluquería Jose Urrutia
Hair Instagram: @pjurrutia
Hair Assistant: Veronica Calpa Perugachi
Assistant Instagram: @calpaperugachi
Photography: Esteban Roca
Photography Instagram @esteban_roca_photo
Retouching: Esteban Roca
Retouching Instagram: @esteban_roca_photo
MUA: Nacho Sanz
MUA Instagram @nacho_sanz_makeup
Styling: Visori FashionArt
Styling Instagram @visorifashionartstudio

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
100623
From gossip
04 May 2021

BEAUTY ISTANBUL 2021 si terrà il
14 - 15 - 16 OCTOBER 2021
ICC - Istanbul Congress Center
Taksim, Istanbul - Turkey

CARTACOR Italia, CERIOTTI e VITALFARCO, tre grandi aziende italiane specializzate nel settore dell'haircare e degli accessori moda-capelli, parteciperanno all'evento internazionale BEAUTY ISTANBUL 2021, uno dei più importanti congressi a livello mondiale che, quest'anno, raccoglie queste sezioni: cosmetica, beauty, hair, cura della casa, private label, packaging e ingredienti.

Visita il sito web per avere maggiori informazioni >>

news n°
159829
From beautynews
10 May 2021
Nella puntata numero 15 dell'Isola de famosi 2021 Elettra Lamborghini è riuscita a stupire i fan con la sua nuova acconciatura. L'opinionista del reality di Canale 5 è salita sul palco con un accecante abito fucsia e con un hair look del tutto nuovo con maxi frangetta. Il nuovo taglio però nasconde un segreto.
news n°
159821
From beautynews
10 May 2021
L'ex vincitrice di Amici ha debuttato quest'anno sul palco dell'Ariston: per l'occasione ha indossato una serie di abiti creati da Ferragamo. Oggi ha deciso di donare l'abito nero della finale per una buona causa: raccogliere fondi per chi lavora nel settore degli spettacoli, a casa da oltre un anno.
news n°
159831
From beautynews
10 May 2021
Sono in molti a credere che parlare ai neonati sia inutile perché tanto non possono comprendere il significato delle parole. Diversi studi scientifici confermano invece l'importanza di parlare coni bambini fin dai primi giorni di vita. La psicologa e psicoterapeuta Elisa Marcheselli ci spiega perché e quale è il modo giusto per rivolgersi ai più piccoli.
news n°
100614
From gossip
04 May 2021
centri estetici lockdown

Non sempre chiudere conviene

Spesso capita di essere invasi dai clienti in determinati mesi dell’anno e in alcune località questi sono proprio quelli estivi. Se il tuo salone di bellezza si trova ... Leggi di più...

centri estetici gestionale

Forse devi solo modificare qualcosa

Spesso si decide di per la chiusura estiva di un centro estetico ma per ottenere dei buoni risultati basterebbe cambiare... Leggi di più...

social network

Usa bene i social media e l’ADV

Inutile negare che gran parte delle tue risorse possono essere ottimizzate grazie all’uso dei social media. Se c’è un pubblico lo trovi grazie a Facebook e a Instagram, con l’advetising puoi  ... Leggi di più...

client

Mantieni un rapporto con i clienti

Abbiamo parlato di fidelizzazione dei clienti. A questo punto la domanda è chiara: come gestire la chiusura estiva di un centro estetico ... Leggi di più...



LEGGI DI PIU' ...

NUMERO VERDE GRATUITO  800911947
Novisoft Srl

Se vuoi SAPERNE di più dei NOSTRI PRODOTTI
CONTATTACI QUI:
info@globelife.com

news n°
100611
From gossip
05 May 2021
migliori aziende

Ecco i 3 migliori BRAND dell'hairstyling
che nel mese di Aprile 2021 si sono distinti per dinamismo
nella comunicazione
e nel lancio di novità:
ARTISTIC - CERIOTTI - PININ

artistic
ceriotti
news n°
100715
From gossip
07 May 2021

Find out the latest hair collection called Re-exposure, made by Jason Hall, the international hairstylist from UK.

Hair: Jason hall
Photography: Desmond Murray
Make Up Artists: Kelly Cripps and Jo Sugar
Models: Colours Agency

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
159828
From beautynews
10 May 2021
Dal beige all'azzurro polvere, dal rosa confetto al lilla, al bianco e all'arancio acceso, fino al giallo limone e al color salmone, ecco 8 colori di moda per la Primavera/Estate 2021 e i look dalle passerelle di Parigi e Milano a cui ispirarsi per gli abbinamenti giusti.
news n°
100603
From gossip
05 May 2021
idee per i capelli 2

E' nato un NUOVO MAGAZINE
"IDEE per i CAPELLI"
distribuito in "EDICOLA" per soddisfare
l'esigenza di tutte le donne,
per GUARDARE
le immagini più belle del mercato,
per IDENTIFICARSI
nelle acconciature e nelle creazioni
dei più grandi hairstylists del mondo!

IDEE per i CAPELLI

Per maggiori informazioni contatta
la Redazione di GLOBElife
info@globelife.com

news n°
159826
From beautynews
10 May 2021
Dalle borse fluo a quelle di dimensioni mini, dalle borse sacco al secchiello, fino alle maxi clutch da portare a mano o le micro bag che si indossano al collo come fossero un gioello, ecco le borse di tendenza per la Primavera/Estate 2021.
news n°
100685
From gossip
06 May 2021

Arrivano sempre segnali positivi da saloni che si trasformano e offrono una rinnovata bellezza alle clienti. Oggi Vi portiamo in Toscana, da MAISON MIRACLE, salone TOP HAIRSTYLISTS di Scandicci (Firenze).

Abbiamo chiesto a Stefano Mazzotta come ha affrontato la riapertura della sua attività dopo il lockdown di questa primavera e la risposta è stata: “Con l’inaugurazione virtuale del nuovo brand MAISON MIRACLE! L’ho fatta l’11 Aprile, quando la Toscana era ancora in zona rossa, e ho presentato il “SISTEMA di BELLEZZA per la RICONQUISTA del TUO STILE” alle clienti fin dal primo giorno di riapertura, domenica 18 Aprile. Ho pensato…è facile uscire dal parrucchiere con colore e piega appena fatti ed essere perfetti, ma il problema si presenta a casa nei giorni successivi, dove bisogna cercare di mantenere il tutto, arrangiandosi con i propri strumenti. Con il sistema che abbiamo messo a punto nella MAISON MIRACLE la donna saprà mantenere il suo look sia sotto l’aspetto stilistico che del colore”.

Bell’idea! Ecco che le clienti escono dal salone orgogliose per la rinnovata crescita del proprio parrucchiere, si sentono importanti, più belle più a lungo, grazie al nuovo SISTEMA di BELLEZZA. E prima di uscire, non vogliono mai perdere il nuovo rito della FOTO ALLA POLTRONA!

MAISON MIRACLE
Via Maria Enriquez Agnoletti 11-13 - 50018 Scandicci (FI)
Tel. +39 055253153


VISTO SU

top hairstylists vogue
news n°
159823
From beautynews
10 May 2021
L'attrice inglese Lily James ha stravolto il suo look per esigenze di copione: è stata scelta per interpretare Pamela Anderson in una nuova serie tv. Pam&Tommy. Sui social ha pubblicato una foto della sua incredibile trasformazione: corsetto in pelle, sopracciglia sottili e smokey eyes scuro sugli occhi.
news n°
100726
From gossip
07 May 2021

Find out the latest hair collection called Re-exposure, made by Jason Hall, the international hairstylist from UK.

Hair: Jason hall
Photography: Desmond Murray
Make Up Artists: Kelly Cripps and Jo Sugar
Models: Colours Agency

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
159819
From beautynews
10 May 2021
Alla vigilia della festa della mamma Antonio Tajani ha detto che una donna si "realizza totalmente" con la maternità: un'affermazione che non rispecchia la realtà. Ogni donna deve essere libera di scegliere la propria strada ed essere tutelata comunque: con i figli o senza, in coppia o da sola, in carriera o no.
news n°
100733
From gossip
07 May 2021

Find out the latest hair collection called Re-exposure, made by Jason Hall, the international hairstylist from UK.

Hair: Jason hall
Photography: Desmond Murray
Make Up Artists: Kelly Cripps and Jo Sugar
Models: Colours Agency

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
100635
From gossip
04 May 2021

B-PUR CLAY by ECHOSLINE del Gruppo Pettenon è la nuova linea smart composta da tre prodotti in grado di ripristinare il naturale equilibrio di cute e capelli nel pieno rispetto dell’ambiente

ECHOSLINE, brand Hair Care Professionale che da alcuni anni abbraccia la filosofia The Vegan Way e predilige il concetto del “less is more”, ha dato vita a B.PUR CLAY, una linea “smart”, composta da una trilogia di prodotti essenziali ed innovativi che differisce da altre linee in quanto purifica e pulisce in maniera profonda partendo dalla cute, per poi rimineralizzare il capello ed ottenere una chioma morbida, lucente e una performance di styling più duratura. La semplicità della linea B.PUR CLAY è la sua massima espressione di autenticità e di rispetto per l’ambiente.

La linea B.PUR CLAY persegue il concetto di “Clean Beauty” e di bellezza essenziale e sostenibile ed è formulata da prodotti 100% Vegan, a base di ingredienti naturali, Free From econ principi attivi funzionali, quali in primis l’Argilla bianca, dalle proprietà remineralizzanti, antiossidanti e con una forte capacità di assorbire le impurità, l’Aloe Vera, l’Olio di Jojoba e il Burro di Karitè.

Grazie alle formulazioni “time, water & energy saving” pensate apposta per avere un consumo ridotto idrico ed energetico, attraverso un'attività di sensibilizzazione ed educazione all’uso dell’Active Shaping Mask si può raggiungere un risparmio di acqua di 2,94 litri ed energetico di circa 80 secondi durante l’asciugatura.

La gamma B.PUR CLAY è composta da:

  • PRE-TREATMENT MUD: fango purificante remineralizzante del cuoio capelluto, elimina in profondità agenti estranei e impurità;
  • PRE-TREATMENT SHAMPOO: purificante e remineralizzante, arricchito con Argilla Bianca e Burro di Karité, deterge i capelli in profondità lasciandoli morbidi e profumati;
  • ACTIVE SHAPING MASK: maschera rimodellante e rimpolpante, nutre in profondità senza appesantire i capelli attraverso un'efficace azione anti-crespo e controllo del volume.

I professionisti Echosline hanno creato tre speciali servizi sia per il salone che per il mantenimento a casa, in sinergia, in due dei tre rituali, anche con altri prodotti Echosline: Beauty Purifying, Beauty Activating e Beauty Shaping.

RICHIEDI MAGGIORI INFORMAZIONI

Credits:
Hair: Stylistic Team Echosline
Photo: Marco Di Filippo

news n°
159827
From beautynews
10 May 2021
Katy Perry e le star che si battono per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum
Katy Perry e la battaglia per corpi veri post partum

In onore della Festa della Mamma, in calendario domenica 9 maggio, il beauty brand Billie ha commissionato alla fotografa e attivista Camila Falquez dei ritratti di neo-mamme realistici e celebrativi. Obiettivo: festeggiare i corpi veri post parto, femminili, morbidi,  felicemente trasformati dall’esperienza della maternità e dell’allattamento. Davanti all’obiettivo di Falquez hanno posato donne di ogni taglia e colore, in una campagna che rende giustizia all’essenza più autentica del body positivity. Immediata ed entusiastica la risposta del pubblico: su Instagram, dove sono stati pubblicati gli scatti delle neo-mamme, sono fioccati i ringraziamenti da parte di donne che, finalmente, si sono sentite rappresentate.

CORPI POST PARTO: PARLA LA PSICOLOGA Come spiega la psicologa e psicoanalista Elena Benvenuti, «moltissime donne vivono negativamente la fase del post parto, lasciandosi travolgere dalle paranoie collegate al cambiamento fisico. Il fatto è che durante la gravidanza e nel post partum il corpo femminile è naturalmente soggetto a una serie di modificazioni che, anche se in minima parte, non regrediranno mai allo stato iniziale. Il che, va detto, non è sempre un male: ci sono donne che con la gravidanza hanno ottenuto una taglia in più di seno o un punto vita più accentuato. Poi, certo, ci possono essere le smagliature, le lassità, la ritenzione idrica e i chiletti di troppo, ma il consiglio per tutte è solo uno: cercate di lavorare in anticipo sulla consapevolezza, accettando che con la maternità avverrà un cambiamento radicale, fisico ed emotivo. Lavorate sul senso di gratitudine verso il vostro corpo e verso voi stesse e, per quanto possibile, silenziate le pressioni e i giudizi che provengono dall’esterno. Bene la remise en forme post gravidanza, ma senza fretta e nutrendosi dell’amore del partner e dei propri affetti, i quali saranno i primi a dirvi quanto magnifiche siete al naturale, struccate, in tuta, tra una poppata e un bagnetto».

Nella gallery, ecco le foto senza filtri, oneste e graditissime, delle celebrity nel post parto.

LEGGI ANCHEBellezza è essere autentici

LEGGI ANCHEVanessa Incontrada, nuova icona di bellezza naturale

news n°
100785
From gossip
10 May 2021

Find out the latest hair collection calleed Blow, made by Caroline Sanderson, the international hairstylist from UK.

Hair: Caroline Sanderson Ego Hair Design
Makeup: Sarah Anne
Styling: Carla Zebrowski
Photographer: Richard Miles

hair-collections

Thanks for your like and your comment !

news n°
159830
From beautynews
10 May 2021
Si fa un salto indietro nel tempo, nella quindicesima puntata de L'Isola dei Famosi. Ilary Blasi ha proposto un look che ha ricordato la moda anni Settanta: pantaloni e top in pizzo. Ha abbinato il completo a sandali di lusso dal tacco vertiginoso, senza rinunciare ai suoi amati orecchini gioiello.
Your browser is too old for our new website. It would be best if you went to a more recent and secure browser version. Using this browser may cause security or usage problems.
X
Vendita ECommerce Prodotti per parrucchieri | ECommerce | GLOBElife | E TRENA | Tinture per capelli | Piastre per capelli | Articoli per parrucchieri | Spazzole per capelli